Se trovi utile il mio blog sostienimi con una piccola donazione. GRAZIE

4 – PGAdmin

<- PRECEDENTE

PGAdmin è un tool completo di gestione e progettazione dei database Postgresql .

Quella sotto è finestra principale del client :

In questa finestra viene visualizzata la struttura del database.

Tramite questo programa si possono creare nuovi oggetti , cancellarli ed editarli se i privilegi dell’utente che si sta utilizzando per la connessione corrente al database sono tali da permetterlo .

Nella parte sinistra della finestra principale viene visualizzata una struttura ad albero che rappresenta tutti i server e gli oggetti che vi sono contenuti .

Nella parte superiore destra vengono visualizzati i dettagli degli oggetti selezionati nella struttura ad albero .

Alcuni oggetti possono avere delle statistiche altre alle loro proprietà , queste statistiche possono essere visualizzate se viene selezionata la tab delle statistiche .

La parte inferiore destra contiene lo script SQL di cui è stato fatto il reverse engineering . Questo script può essere copiato in qualunque editor utilizzando il copia incolla oppure scegliendo la voce salva dal menù file , oppure utilizzarlo come template se è stata selezionata la Query Tool.

Se nelle opzioni del software è stata selezionata l’opzione Copy SQL la query verrà copiata atomaticamente nel Query Tool.

La linea di stato situata nella parte bassa della finestra visualuzza l’ultima operazione eseguita da PGAdmin ed il tempo impegato per portarla a termine .

Lo stato degli oggetti visualizzati in PGAdmin viene aggiornato solo su richiesta o al termine di un’operazione sul database quindi è buona norma prima di eseguire operazioni su un qualunque oggetto effettuatuare un aggiornamento dello stesso per evitare che altri utenti abbiano modificato l’oggetto stesso .

Impostare le connessioni

Per connettersi al server bisogna prima impostare la connessione selezionando l’icona a forma di spina della tool  bar oppure tramite la voce ‘aggioungi server del menù File .

La finestra a fianco è quella di configurazione del collegamento al server .

I dati inseriti nell’esempio a fianco sono i dati di configurazione per eseguire una connessione locale al database che è installato sulla mia macchina .

Di seguito indico il significato in breve delle voci da impostare in questa finestra :

  • Nome : E’ un’etichetta per dare un nome al server
  • Host   : E’ l’indirizzo IP oppure il nome del server coma ad esempio localhost
  • Porta  : E’ la porta da usare per la connessione normalmente la 5432
  • SSL   : indica se e come utilizzare la connessione di tipo SSL
  • DB di gestione : normalmente postgres
  • Nome Utente    : il nome dell’utente (per le operazioni di amministrazione normalmente postgres )
  • Restrizioni del database : se in questo campo si immettono dei nomi di database  questi saranno gli unici visualizzati dopo esseresi connessi.

<- PRECEDENTE