Se trovi utile il mio blog sostienimi con una piccola donazione. GRAZIE

5 – La prima finestra

Ed eccoci finalmente alla creazione della prima finestra .
Eravamo rimasti alla schermata dell’editor grafico delle finestre .

All’interno di ogni finestra dobbiamo posizionare un contenitore degli oggetti .
Esistono diversi tipi di contenitori ma i più importanti sono tre :

  • Il tipo Fixed
    Questo contenitore si comporta come se si stesse utilizzando un linguaggio di sviluppo Microsoft , ovvero dove viene posizionato l’oggetto questo resta e nel caso si ridimensioni la finestra gli oggetti contenuti non vengono ridimensionati .
    In certi casi può essere comodo ma sinceremente io preferisco che gli oggetti contenuti nella finestra si ridimensionino in automatico così non devo pensarci io.
  • I tipi HBox e VBox
    Questi contenitori possono essere incapsulati uno all’interno dell’altro e ridimensionano in automatico gli oggetti al loro interno facendo così il lavoro per noi e non obbligandoci così a pensare alle varie risoluzio dello schermo su cui vorremo far girare la nostra applicazione .
    Come suggerisce già il nome gli HBox sono box orizzontali mentre i VBox sono Box verticali .

Quindi ora come primo passo andremo a posizionare all’interno della nostra finestra un HBox ottenendo quello che vedete nella schermata sotto.
Per posizionarlo basterà trascinare il HBox dalla parte Destra dello schermo fino dentro la finestra principale del nostro programma .
Dopo di chè nella parte inferiore destra della schermata pricipale selezionate la Tab proprietà e poi Box Properties e spuntate la proprietà Omogeneo .
Questa opzione farà in modo che verrà sempre mantenuta la divisione in tre bande omogenee .
Ora dovremo selezionare la banda inferiore e trascinarvi dentro un VBox e anche questa volta andremo a spuntare la proprietà Omogeneo come prima ottenendo quello che potete vedere nella schermata seguente.

Ora selezionando le bande che ci interessano andremo a trascinarci all’interno un pulsante (Button) ed una label ottenendo quello che si vede nella schermata sotto.

A questo punto dobbiamo aggiungere l’evento click al pulsante .
Per fare questo dobbiamo selezionare il pulsante e nella parte destra in basso dobbiamo selezionare la Tab segnali e la categoria ‘Button Signal’ e alla destra della voce ‘Clicked’ scriveremo il nome della funzione da attivare quando il pulsante verrà premuto , nel nostro caso scriveremo ‘Premuto’ come si può vedere nella schermata successiva .

Ora ripasseremo alla modalità di editing del codice premendo il pulsante ‘Codice Sorgente’.
Ora cerchiamo la funzione ‘Premuto’ che abbiamo appena associato all’evento clicked del pulsante e come nella figura sotto scriviamo al suo interno

label1.Text = “PREMUTO”;

Normamente subito dopo aver digitato il punto dopo label1 dovrebbe aprirsi un menù a tendina con tutte le opzioni dell’oggetto , se questo non dovesse avvenire cancellate quello che avete scritto e eseguite una generazione della soluzione con il pulsante con i cubetti colorati e le tre frecce che trovate nella barra in alto e poi riprendete a digitare .

Ora non ci resta che compilare l’applicazione e provare a lanciarla per vedere se alla pressione del pulsante la scritta della label cambia .
Per compilare ed eseguire il vostro programma dovrete premere il pulsante con i tre ingranaggi e dopo la compilazione dovreste veder apparire la finestra principale del vostro programma che dovrebbe essere simile a quella sotto riportata .

Ebbene si , siete riusciti a compilare la vostra prima applicazione Mono .
Prima di proseguire vi consiglio di sperimentare e prendere confidenza con l’ambiente di sviluppo fino a sentirvi a vostro agio .
Se avete creato un progetto che non vi serve più basterà che entriate nella cartella dove lo avete salvato e cancelliate il direttorio radice della vostra applicazione per non vederla più nella finestra principale di MonoDevelop .